Seleziona una pagina

Occhiali “Le Corbusier”

Dic 14, 2020 | Cult

Nella foto: Occhiali da vista “Corbusier” by Traction

Come fanno alcuni dettagli a diventare iconici? Segni distintivi come il seducente neo sul viso di Marilyn Monroe, omaggi allo stile come le iconic bag dedicate a Grace Kelly, Jane Birkin o Lady D, il tartan tradizionale destrutturato da Sua Maestà Vivienne Westwood, solo per esempio.
Quando un oggetto assume lo status di icona, il merito non va tanto alla fama del personaggio che lo sfoggia, quanto alla naturalezza con cui lo fa.

L’archistar svizzera Le Corbusier, al secolo Charles-Édouard Jeanneret-Gris, fu promotore della modernità, delle linee essenziali e dei materiali resistenti (come il cemento armato) sia nelle proprie opere che nelle scelte di stile personale.

Le Corbusier negli anni Trenta (foto Wikipedia)

Oggi, quando si parla di “occhiali Le Corbusier”, non si fa riferimento a un brand o l’altro, ma a uno specifico modello: gli occhiali da vista tondi con la montatura nera robusta ed essenziale. E super cool, ovviamente.

L’architetto inventore della moderna chaise longue indossava i suoi occhiali rotondi in ogni occasione mondana a Parigi, accompagnandosi con donne bellissime e famose come la ballerina creola Josephine Baker e la modella tedesca Yvonne Gallis, che divenne poi sua moglie.

Dunque no, gli occhiali da vista tondi non sono affatto “alla Harry Potter”…