Seleziona una pagina

Occhiali da riposo: ecco come proteggersi dalla luce blu

Dic 21, 2019 | Styles

Sempre più spesso i nostri occhi sono sottoposti a uno stress visivo elevato a causa dei dispositivi elettronici di ultima generazione 

Anche la vista ha bisogno di meritato riposo. Soprattutto oggi che i nostri occhi sono sottoposti a uno stress superiore rispetto al passato. Infatti, se fino a qualche anno fa erano soprattutto gli schermi dei computer utilizzati a lavoro a rappresentare il maggior problema per la vista, oggi il moltiplicarsi dei device elettronici ha reso la situazione ancora più complessa. 

Sui mezzi pubblici o al bar, mentre stiamo facendo una passeggiata o comodamente seduti sul nostro divano, smartphone, tablet, pc e televisori con schermi a led sono ormai i nostri fedeli compagni durante tutto l’arco della giornata. I nostri occhi sono quindi esposti per molte ore al giorno alla luce blu emessa da questi dispositivi, una forma di radiazione elettromagnetica dannosa che può portare a disturbi visivi anche nel breve periodo. Il loro prolungato utilizzo può infatti provocare disturbi quali affaticamento, mal di testa, stanchezza, visione offuscata o doppia e sensibilità alla luce.

Le possibili soluzioni

Che fare allora per evitare tutto questo? Un ottimo modo è quello di utilizzare occhiali che abbiano una protezione corretta contro la luce blu: si tratta di lenti che hanno la capacità di filtrarla nella maniera corretta, garantendo una maggiore protezione e un minore affaticamento della vista. Questo tipo di occhiali possono essere utilizzati anche da coloro che non necessitano di nessuna correzione visiva, ma hanno comunque la necessità di essere protetti dai raggi nocivi.

Oltre agli occhiali con il filtro luce blu, ci sono altri accorgimenti pratici che possono essere utili quando si passano molte ore davanti a uno schermo. Per esempio, è buona prassi tenere lo schermo di un dispositivo elettronico a una distanza consona (circa 50 cm). È poi bene ricordarsi di fare alcune piccole pause a cadenza regolare, anche solo qualche secondo ogni mezzora: questo aiuterà a far riposare gli occhi ed eviterà arrossamenti o bruciori a fine giornata. Da ultimo, chi utilizza il computer per molte ore al giorno, deve ricordarsi di posizionarlo nella maniera corretta: sotto una fonte di luce e non rivolto verso la finestra, poiché la luce naturale potrebbe riflettersi sullo schermo e impedire una visuale corretta.